“È stata una totale invenzione dell’intelligence Usa". Seymour Hersh torna sul caso Nord Stream

“È stata una totale invenzione dell’intelligence Usa". Seymour Hersh torna sul caso Nord Stream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Seymour Hersh - Da Junge Welt

(traduzione di Contropiano)


Sei settimane fa ho pubblicato un rapporto citando fonti anonime che nominavano il presidente Joseph Biden come l’uomo che aveva ordinato la distruzione degli oleodotti del Nord Stream lo scorso settembre.

Il Nord Stream 2 a doppia rotaia era appena stato posato per l’equivalente di undici miliardi di dollari USA e aveva lo scopo di raddoppiare il volume delle forniture di gas naturale dalla Russia alla Germania.

Il mio rapporto è stato raccolto in Germania e in altri paesi europei, ma è stato quasi completamente ignorato dai media negli Stati Uniti. Poi, due settimane fa, a seguito di una visita del cancelliere tedesco Olaf Scholz a Washington, le agenzie di intelligence statunitensi e tedesche hanno tentato di rafforzare quel muro di silenzio raccontando al New York Times e che il settimanale tedesco Die Zeit ha avanzato false ipotesi per contrastare il rapporto secondo cui Biden e altri funzionari statunitensi erano responsabili della distruzione degli oleodotti.

Gli addetti stampa della Casa Bianca e della CIA hanno costantemente negato che gli Stati Uniti fossero responsabili dell’esplosione degli oleodotti, e quelle doverose smentite sono state accettate dai funzionari dei media accreditati alla Casa Bianca.

Non ci sono prove che un solo giornalista presente abbia chiesto al portavoce della Casa Bianca se il presidente Biden avesse organizzato ciò che qualsiasi leader politico serio avrebbe fatto: ha incaricato formalmente la comunità dell’intelligence statunitense di condurre un’indagine approfondita su tutte le possibilità tecniche e personali per scoprire chi l’ha fatto nel Mar Baltico?

Una fonte nei circoli dell’intelligence mi ha detto che il presidente non l’ha fatto e non lo farà. Perché no? Perché conosce già la risposta.

Sarah Miller – esperta di energia ed editrice presso Energy Intelligence, editore di importanti riviste di settore – mi ha spiegato in un’intervista perché le rivelazioni sui gasdotti hanno fatto così tanto scalpore in Germania e nell’Europa occidentale: “La distruzione dei gasdotti Nord Stream ha portato a un ulteriore aumento dei prezzi del gas naturale, che aveva già superato il livello pre-crisi di almeno sei volte“, ha affermato.

Nord Stream è stato fatto saltare in aria alla fine di settembre. Nel mese successivo, la Germania ha dovuto pagare dieci volte tanto per le sue importazioni di gas rispetto a prima della crisi, una cifra massima. L’aumento dei prezzi ha colpito tutta l’Europa e si stima che i governi abbiano speso non meno di 800 miliardi di euro per proteggere le famiglie e le imprese dalle conseguenze di questo aumento dei prezzi.

Poiché l’inverno in Europa era mite, i prezzi del gas sono ora scesi a circa un quarto del picco di ottobre, ma sono ancora da due a tre volte superiori ai livelli pre-crisi e più di tre volte superiori agli attuali livelli statunitensi. Nell’ultimo anno, i produttori tedeschi e altri produttori europei hanno chiuso i loro settori più energivori, come la produzione di fertilizzanti e vetro. Non è chiaro se queste fabbriche riapriranno mai.

L’Europa sta lottando per mettere in rete l’energia solare ed eolica, ma non è chiaro se ciò accadrà abbastanza velocemente da salvare gran parte dell’industria tedesca.” (Miller pubblica anche su Substack).

A inizio marzo Biden ha avuto come ospite a Washington il cancelliere Olaf Scholz. Solo due appuntamenti erano destinati al pubblico: un breve scambio formale di convenevoli davanti alla stampa della capitale senza la possibilità di fare domande, e un’intervista con Scholz alla CNN, guidato da Fareed Zakaria. Non ha nemmeno affrontato le ipotesi sugli oleodotti.

Il cancelliere era volato a Washington senza l’accompagnamento dei rappresentanti dei media tedeschi e non era prevista né una cena celebrativa né una conferenza stampa, anche se è consuetudine in riunioni di così alto livello. Invece, secondo quanto riferito, Biden e Scholz hanno avuto una conversazione di 80 minuti, per lo più in privato.

Nessuno dei due governi ha rilasciato alcuna dichiarazione o dichiarazione scritta dopo l’incontro, ma una persona con accesso alle informazioni pertinenti mi ha detto che la questione dell’oleodotto è stata discussa e alla fine è stato chiesto alle persone interessate della CIA di lanciare una storia di copertura insieme ai servizi segreti tedeschi, che potrebbe essere presentato alla stampa statunitense e tedesca come alternativa alla spiegazione della distruzione degli oleodotti Nord Stream.

Come si dice nei circoli dell’intelligence, “il sistema dovrebbe essere fulminato” per screditare l’affermazione secondo cui Biden avrebbe ordinato la distruzione degli oleodotti.

Vale la pena notare qui che il cancelliere tedesco Scholz, che fosse a conoscenza o meno in anticipo della distruzione degli oleodotti, è stato chiaramente coinvolto nell’insabbiamento dell’operazione dell’amministrazione Biden nel Mar Baltico dallo scorso autunno.

L’agenzia ha fatto il suo lavoro e, con l’aiuto dell’intelligence tedesca, ha inventato e piantato storie su un’operazione spontanea “non ufficiale” che ha portato alla distruzione degli oleodotti e le ha piantate sulla stampa. Questa truffa ha portato a un rapporto del New York Times del 7 marzo che citava un anonimo funzionario statunitense, il quale avrebbe affermato che “la nuova intelligence (…) indicava” che “un gruppo filo-ucraino” era implicato nella distruzione dell’oleodotto.

Lo stesso giorno a un reportage online su Die Zeit, un settimanale molto letto in Germania, ha riferito che gli investigatori tedeschi avevano rintracciato uno yacht a vela di lusso noleggiato che ha lasciato il porto tedesco di Rostock il 6 settembre e ha superato l’isola di Bornholm al largo della costa danese.

L’isola si trova a pochi chilometri dalla zona dove il 26 settembre sono stati distrutti gli oleodotti. Si dice che lo yacht sia stato affittato da armatori ucraini e fosse composto da un equipaggio di sei persone: un capitano, due sommozzatori, due assistenti subacquei e un medico. Cinque dei membri dell’equipaggio erano uomini e una donna. I passaporti presentati erano falsi.

Holger Stark, l’autore del rapporto Zeit mi ha detto, dopo la pubblicazione di quel rapporto, che aveva seguito per mesi l’indagine criminale sullo yacht e su dove si trovava e che lui e il giornale hanno deciso di affrettarsi a pubblicare ciò che sapevano, dopo aver appreso del rapporto del New York Times. Non aveva contatti con i servizi segreti tedeschi.

Entrambe le pubblicazioni hanno sottolineato che, come ha affermato il New York Times , “c’erano molte cose che non sapevano“. Tuttavia, le informazioni appena acquisite avevano reso gli agenti inquirenti “più ottimisti” sul fatto che sarebbero giunti a una conclusione chiara sugli autori.

Ma ci vorrebbe molto tempo, hanno detto vari alti funzionari a Washington e in Germania. Quindi il messaggio era che la stampa e il pubblico dovevano smettere di fare domande e lasciare che gli investigatori scoprissero la verità.

Questo, ovviamente, non sarebbe mai venuto alla luce. Il veterano Stark, il dipartimento investigativo dell’epoca ha fatto un ulteriore passo avanti, osservando che c’erano alcuni “nei servizi di sicurezza internazionale” che non avevano escluso la possibilità che la storia dello yacht fosse “un’operazione sotto falsa bandiera“. In effetti lo era.

È stata una totale invenzione dell’intelligence statunitense, trasmessa ai tedeschi, volta a screditare la tua storia“, mi ha detto una fonte dell’intelligence statunitense. I professionisti della disinformazione della CIA sanno che uno stratagemma di propaganda funziona solo quando i destinatari sono alla disperata ricerca di una storia che possa sminuire o soppiantare una verità indesiderata.

E la verità in questione è che il presidente Joseph Biden ha autorizzato la distruzione degli oleodotti e potrebbe avere difficoltà a spiegare la sua azione quando la Germania e i suoi vicini dell’Europa occidentale soffrono di alti costi energetici giornalieri poiché le aziende sono costrette a chiudere.

Ironia della sorte, la prova più eloquente della debolezza del rapporto del New York Times è venuta da uno dei tre giornalisti del Times i cui nomi sono stati riportati sotto l’articolo. Pochi giorni dopo la pubblicazione del rapporto, il giornalista Julian Barnes è stato intervistato dal conduttore Michael Barbaro nel popolare podcast del NYT The Daily. Ecco la trascrizione:

Barbaro: Chi era esattamente il responsabile di questo attacco? E come avete fatto tu e i tuoi colleghi a scoprirlo?

Barnes: Beh, non credo che abbiamo posto le domande giuste durante la maggior parte delle indagini.

Barbaro: Ehm. E quali erano le domande giuste?

Barnes: Beh, ovviamente ci siamo concentrati sui paesi.

Barbaro: Hm-hmm.

Barnes: Tutti questi stati che abbiamo appena attraversato: l’ha fatto la Russia? Era lo stato ucraino? E quello era solo un vicolo cieco dopo l’altro. Non abbiamo trovato funzionari che ci abbiano detto che c’erano prove credibili che indicassero il governo. Quindi i miei colleghi Adam Entous, Adam Goldman e io abbiamo iniziato a fare una domanda diversa. Questo potrebbe essere stato fatto da attori non statali?

Barbaro: Ehm.

Barnes: Potrebbe essere stato fatto da un gruppo di persone non governative?

Barbaro: Qualcosa come i sabotatori freelance. Come ti è venuta questa nuova domanda?

Barnes: Beh, abbiamo iniziato a chiederci chi potessero essere questi sabotatori. Oppure, se non siamo in grado di rispondere, con chi potrebbero essere stati alleati? Potrebbero essere stati sabotatori filo-russi? O erano altri sabotatori? E più parlavamo con funzionari che avevano accesso a informazioni di intelligence, più vedevamo che la teoria prendeva piede.

Barbaro: Hm-hmm.

Barnes: E il mio pensiero iniziale che potessero essere sabotatori filo-russi si è rivelato sbagliato. Abbiamo appreso che molto probabilmente si trattava di un gruppo filo-ucraino.

Barbaro: Ehm. In altre parole: un gruppo di persone che ha fatto questo per conto dell’Ucraina. Cosa hai scoperto che ti fa credere che fosse così?

Barnes: Michael, voglio sottolineare che sappiamo davvero molto poco, giusto? Questo gruppo rimane misterioso. E rimane un mistero non solo per noi, ma anche per i funzionari statunitensi con cui abbiamo parlato. Sanno che le persone coinvolte erano ucraini o russi o un misto di entrambi. Sanno di non essere affiliati al governo ucraino. Ma sanno anche che erano contro Putin e filo-Ucraina.

Barbaro: Quindi, dopo tutti questi rapporti e ricerche, sei giunto alla conclusione che gli autori erano un gruppo di persone che vogliono la stessa cosa dell’Ucraina ma non sono ufficialmente affiliate al governo ucraino. Ora sono curioso di sapere quanto sei sicuro che queste persone non siano affiliate al governo ucraino.

Barnes: Beh, l’intelligence al momento dice che non lo sono. E mentre ci viene detto ufficialmente che il presidente dell’Ucraina e i suoi consiglieri chiave non lo sapevano, non possiamo essere sicuri che sia vero e che qualcun altro non lo sapesse”.

I giornalisti del New York Times a Washington erano alla mercé dei funzionari della Casa Bianca “che avevano accesso alle informazioni dell’intelligence“. Ma le informazioni che hanno ottenuto provenivano da un gruppo di esperti di inganni e propaganda della CIA incaricati di fornire al giornale una storia in prima pagina e di proteggere un presidente che ha preso una decisione poco saggia e ora sta mentendo al riguardo.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti