La grande bugia di Biden: Gli Usa non hanno una presenza militare in Siria

La grande bugia di Biden: Gli Usa non hanno una presenza militare in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'occupazione da parte delle truppe statunitensi del suolo siriano sovrano nel nord-est è ben nota dall'amministrazione Obama, ma il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato in un'intervista rilasciata mercoledì sera alla ABC News con George Stephanopoulos che non  c'è nessuna presenza militare statunitense in Siria.

I commenti di Biden sono arrivati ??in un'intervista incentrata sull'Afghanistan, dove l'amministrazione è sulla difensiva per i falliti tentativi di evacuazione concentrati all'aeroporto internazionale di Kabul.

La sua affermazione sulla Siria è arrivata mentre difendeva la sua politica di ritiro afghano, precisando: “Al Qaeda, ISIS, metastatizzano. C'è una minaccia significativamente maggiore per gli Stati Uniti dalla Siria. C'è una minaccia significativamente maggiore dall'Africa orientale. C'è una minaccia significativamente maggiore in altri luoghi del mondo rispetto alle montagne dell'Afghanistan".

A questo punto ha dichiarato: "Non abbiamo militari in Siria per assicurarci di essere protetti". Sembra che stesse suggerendo che le forze statunitensi in Afghanistan sono necessarie altrove in luoghi in cui gli Stati Uniti affrontano "minacce" maggiori, come in Siria, secondo le sue parole.

Ufficialmente il Pentagono sostiene da tempo che circa 900 soldati stanno occupando il nord-est della Siria, in particolare dove si trova la maggior parte delle risorse di petrolio e gas del paese. Probabilmente ce ne sono di più, dato che anche questo non include gli appaltatori della difesa degli Stati Uniti e il personale dell'intelligence.

Apparentemente i funzionari della difesa degli Stati Uniti affermano che la presenza americana è focalizzata sulla missione "contro-ISIS", ma è anche chiaramente parte della guerra economica in corso a Damasco e per garantire che le risorse vitali siano private al governo.

I sorprendenti commenti di Biden sulla Siria di questa settimana suggeriscono inoltre che la sua amministrazione non ha intenzione di ritirare le forze statunitensi dalla loro occupazione della Siria, anche dato che è attualmente sotto il fuoco politico sia dei repubblicani che dei democratici su come viene gestita l'uscita dall'Afghanistan.

Non si esclude che possano essere incrementate.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti