"Kill to Kill". Piloti Usa mostrano immagini delle uccisioni di civili in Afghanistan

"Kill to Kill". Piloti Usa mostrano immagini delle uccisioni di civili in Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I piloti di droni statunitensi hanno fatto trapelare un video di attacchi, che sono stati effettuati nel 2019 in Afghanistan e hanno causato la morte di diversi civili, tra cui almeno un bambino. Le immagini sono state pubblicate martedì scorso nell'ambito di un'indagine dei media Connecting Vets, che ha intervistato diversi operatori, avvocati militari e controllori di attacchi terminali congiunti dell'aeronautica statunitense.

"Gli attacchi dei droni sono stati punitivi. Uccidere per uccidere" , ha detto uno degli operatori, la cui identità non è stata rivelata. "È nichilista, non ha senso", ha aggiunto un altro. "Era chiaro che non stavamo facendo la differenza". Le fonti hanno indicato che molti più civili sono stati uccisi in questi attacchi rispetto a quanto confermato dal Pentagono.

 

Tuttavia, Connecting Vets ha osservato che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha registrato solo una vittima civile alla data dell'attacco, che era "probabilmente un bambino", tralasciando i due adulti che, secondo l'agenzia, "erano solo lì."

Da parte sua, un altro operatore di droni ha descritto come un civile è stato ucciso da un missile aria-terra. Ha raccontato che l'afghano stava parlando su una radio sotto un albero e mentre si stava dirigendo a casa, un AGM-114 Hellfire lo ha colpito . 

"Una donna anziana è corsa fuori dal complesso. Si è inginocchiata accanto a questo ragazzo e si poteva vedere la disperazione, stava colpendo il suolo, colpendosi da sola", ha spiegato. "Era in ginocchio accanto a questo ragazzo con i pugni serrati verso il cielo, agitando i pugni contro di me" , ha aggiunto.

Aumento degli attacchi dei droni da parte delle forze statunitensi

Le statistiche, pubblicate  nel 2020 dal Comando centrale dell'aeronautica statunitense, mostrano un marcato aumento del numero di attacchi aerei in Afghanistan nel 2018 e nel 2019, con una crescita di sei volte, da meno di 1.000 attacchi nel 2015 a 7.423 nel 2019. 

Secondo un rapporto del 2017 di un gruppo di esperti del Council on Foreign Relations, l'uso dei droni è stato "enormemente" ampliato e normalizzato dall'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama per la lotta al terrorismo, "con 542 attacchi che hanno ucciso circa 3.797 persone in vari paesi.

 

Da parte sua, Donald Trump ha portato il programma ancora oltre. L'autorizzazione per gli attacchi dei droni è stata delegata ai comandanti sul campo come parte di una strategia del Consiglio di sicurezza nazionale per convincere i talebani a concordare una strategia di uscita per le forze statunitensi. Inoltre, è stata approvata nel 2019 una norma che ha richiesto la segnalazione tutti i decessi causati da questo tipo di attacco.

Una campagna di pressione contro i talebani

"Penso che ci siano stati due fattori principali che hanno davvero guidato quel cambiamento in Afghanistan", ha precisato a Connecting Vets Jonathan Schroden, di Afghanistan and Counter-Terrorism Analyst. "E' diventato sempre più chiaro che le forze di sicurezza afghane non sarebbero state abbastanza in grado di operare indipendentemente in una campagna di tipo contro-insurrezionale in qualsiasi momento, ed è discutibile se avrebbero raggiunto quel punto in tempi che sarebbero stati rilevanti ".

Secondo l'esperto, il secondo fattore è stata la decisione dell'amministrazione Trump di "mettere da parte la precondizione che esisteva prima di insistere sul fatto che il governo afghano intraprendesse qualsiasi negoziato con i talebani e accettare la condizione dei talebani per i colloqui, che era per gli Stati Uniti quella di impegnarsi direttamente con i talebani".

"Quel cambiamento di politica, e la successiva partecipazione diretta ai negoziati con i talebani, hanno portato all'idea che gli Stati Uniti dovessero generare influenza in quei colloqui " , ha spiegato, aggiungendo che "parte del modo per farlo era aumentare la pressione. militare” sui talebani.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti