Il massacro dei palestinesi. Intervista a Hadeel Alaa Al Gherbawi (con foto esclusive da Gaza)

Il massacro dei palestinesi. Intervista a Hadeel Alaa Al Gherbawi (con foto esclusive da Gaza)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dalla martoriata ma sempre degna e Resistente Striscia di Gaza di fronte all'aggressione israeliana, la testimonianza diretta della giornalista free-lance Hadeel Alaa Al Gherbawi*, raccolta in esclusiva per l'AntiDiplomatico, da Cristina Mirra.

Le foto sono state concesse da Hadeel Alaa Al Gherbawi in totale esclusiva per la nostra testata.

Puoi parlarci della situazione a Gaza in questo momento?

La situazione ora all'interno della Striscia di Gaza è molto difficile e l'occupazione israeliana ha provocato uno scenario sanguinoso uccidendo la popolazione civile e bambini innocenti.

 

Quali obiettivi civili sono stati distrutti dal bombardamenti israeliani?

Tutto è preso di mira all'interno della Striscia di Gaza e tutti sono a rischio in qualsiasi momento. Io stessa mi ritrovo in qualsiasi momento a dare notizie urgenti. La popolazione civile, i bambini innocenti, i ristoranti, le torri dei media e le fabbriche, sono tutti colpiti e distrutti.

I media occidentali per giustificare gli attacchi di Israele raccontano che Hamas lancia razzi da edifici pubblici. Cosa ci puoi dire a riguardo?

Certo che no, questo è solo un atteggiamento fuorviante dei media internazionali per mettere Hamas contro il popolo palestinese. Hamas sta combattendo con armi non paragonabili a quelle potenti che sono vietate a livello internazionale. Hamas agisce da terre deserte, lontano dalla popolazione civile.

Cosa ne pensate della solidarietà dei media e dei politici che hanno mostrato al governo israeliano?

Tutti sostengono Israele mediaticamente e politicamente, anche gli arabi sono a favore di Israele. Tutti fanno prevalere l'interesse personale senza guardare ai crimini che commette contro di noi.

Ti aspettavi che la società civile con migliaia di persone in tutto il mondo scendesse in piazza e affollasse le piazze per chiedere la fine dei bombardamenti a Gaza e dell'occupazione?

Sì, ci sono molte persone in tutto il mondo che ci sostengono, ci appoggiano, manifestano con slogan e frasi per il popolo palestinese. Il popolo egiziano ci sostiene e apre i valichi per ricevere i palestinesi feriti e il popolo turco ci sostiene, i sauditi e molti altri popoli sono stati al nostro fianco alla luce della crisi israeliana.

Un'ultima domanda: La Striscia di Gaza è una prigione a cielo aperto, assediata da Israele. Cosa significa vivere sotto assedio?

La vita sotto assedio è molto difficile e indescrivibile, non c'è affatto libertà e non c'è lavoro, cerchiamo sempre di trovare un'occupazione nel prossimo futuro, ma soffriamo il blocco israeliano. Bombardano, distruggono, moriamo e uccidono bambini innocenti, con assedio e distruzioni. Non posso descrivere la sensazione dello stato di assedio. Limitando la libertà, è davvero molto difficile.

*Giornalista freelance della Striscia di Gaza. È laureata in Letteratura e Lingua inglese

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti